fbpx
Sp3
comunicazione e grafica

Landing page: istruzioni per l’uso

di Marco Torreggiani
19 Febbraio 2020
Landing page istruzioni per l'uso

Hai deciso di fare pubblicità su Google in occasione del lancio di un nuovo prodotto o per acquisire contatti da inserire nel database aziendale.
Bravissimo, è un’ottima idea, ma quando un utente cliccherà sul tuo annuncio, dove finirà?
Se la risposta è nella home page del tuo sito, allora dobbiamo migliorare qualcosa.
Se finirà su una landing page creata ad hoc per ottimizzare la performance dell’annuncio, allora non leggere questo articolo, sei già esperto di landing page!

La landing page è uno strumento utile per ottimizzare la performance di una campagna advertising. Non ti sto dicendo che veicolare il traffico sulla home page del tuo sito sia sbagliato.
Ti sto dicendo che potresti fare di meglio. Come? Veicolando gli utenti su una landing page.
Questa tipologia di pagina può avere un tasso di conversione migliore rispetto ad una normale pagina web.
Ma quali elementi deve contenere? Cosa è necessario inserire e cosa è meglio evitare?
Scopriamolo.

Cosa sono le landing page?

La traduzione letterale è pagina di atterraggio. È la pagina in cui arrivano gli utenti quando entrano nel tuo sito, generalmente dopo aver cliccato su un annuncio pubblicitario. Non è obbligatorio entrare in un sito attraverso la home page. È possibile accedere direttamente a pagine interne. È il caso degli annunci su Google Ads che, se cliccati, portano a pagine specifiche. Queste sono landing page. Quindi le landing page sono pagine in HTML che vengono caricate sul sito dell’inserzionista, raggiungibili soltanto dall’annuncio pubblicitario.

A cosa servono?

Il loro compito è spingere l’utente a compiere un’azione specifica, la cosiddetta Call to action. Per esempio acquistare un prodotto/servizio, oppure lasciare un contatto mail, o anche richiedere un preventivo. Tendenzialmente le persone devono rimanere su questa pagina e non navigare in altre parti del sito, altrimenti difficilmente convertiranno l’obiettivo. Per questo motivo, ti consiglio di non inserire il menù di navigazione del tuo sito all’interno della landing page.

 

SEI UNA PMI? Ricevi consigli pratici sulla comunicazione.
Tranquillo, anche a noi non piace lo spam.

Quali contenuti ci metto?

Dal momento che le landing page devono spingere l’utente ad una conversione, i contenuti di queste pagine devono essere diversi rispetto a quelli del sito. Se in qualsiasi altra pagina del sito in genere compaiono molti contenuti, una landing page efficace contiene un unico messaggio, mirato e coerente con il testo dell’annuncio pubblicitario.
Per attirare l’attenzione dell’utente, utilizza una headline incisiva. Se inserisci un testo di approfondimento, elenca chiaramente i benefici che porterà il tuo prodotto/servizio. Ricorda che tutti i contenuti hanno lo scopo di far convertire l’utente. Non farcire la pagina con informazioni inutili, distrarrai le persone.

Crea valore per l’utente

Tendenzialmente una persona sarà più incentivata a convertire, se otterrà qualcosa in cambio. Ti consiglio di offrire un contenuto di valore a tutti coloro che cliccano sulla Call to action.
Per esempio se il tuo obiettivo è ottenere indirizzi email da inserire in un database, potresti offrire gratuitamente una guida di approfondimento che spieghi i vantaggi del tuo prodotto. Per scaricare il documento sarà necessario inserire un indirizzo email.
È importante creare dei contenuti di qualità, che siano in grado di attirare l’attenzione dell’utente e che valgano lo scambio dei dati. Mi riferisco a guide, e-book, documenti di approfondimento, ma anche consulenze gratuite, buoni sconto o campioni omaggio.

 

 

Se invece il tuo obiettivo è vendere, allora devi necessariamente inserire uno sconto.
Tendenzialmente per essere efficace, la landing page deve contenere un’offerta, valida in un periodo di tempo definito, con lo scopo di creare senso di urgenza nell’utente.

Last but not least

Ricordati di non trascurare un aspetto fondamentale: rassicurare il potenziale cliente.
Molte delle persone veicolate sulla tua landing page probabilmente non conoscono la tua azienda. Perché dovrebbero comprare i tuoi prodotti online? Cerca di togliere questo velo di diffidenza inserendo elementi in grado di trasmettere fiducia.
Utilizza delle recensioni.

Utilizza delle testimonianze di clienti soddisfatti (se sono a disposizione).

 


Designed by pikisuperstar – it.freepik.com

Come si realizzano?

Con il codice HTML. Se non sei uno sviluppatore web e il codice html è arabo (come per la maggioranza delle persone), allora puoi affidarti a software online a pagamento. Per una completa personalizzazione della pagina, potrebbe essere opportuno affidarsi ad un professionista. Lui ti potrà supportare anche nella realizzazione di grafiche ad hoc e contenuti testuali efficaci. In Sp3 siamo in grado di aiutarti in campagne online e landing page, plasmate sulle tue peculiarità. Se vuoi saperne di più, basta che mi contatti qui.

P.S.: mi raccomando, per essere visualizzata correttamente su computer e telefono, la landing page deve essere responsive.

Sei una PMI? Ricevi consigli pratici sulla comunicazione

L’esperienza di Sp3 con la Piccola Media Impresa a disposizione degli imprenditori che vogliono fare comunicazione. Ricevi dei consigli utili ogni 2 settimane.

*Tranquillo, anche a noi non piace lo spam.