fbpx
Sp3
comunicazione e grafica

ABC della SEO per chi non è esperto

di Elena Gavazzi
5 Dicembre 2019
Ottimizzazione delle pagine web

Al giorno d’oggi non possiamo dire che Google sia il migliore amico dell’uomo, ma possiamo dire che ci ‘salva la vita’ in molte occasioni.

Tutti effettuiamo ricerche, perché abbiamo bisogno di un’informazione, di un prodotto o di un servizio. Quindi dall’altra parte, se sei un’azienda, devi essere su Google e se vuoi essere trovato ci devi essere nel modo corretto.

Sicuramente avrai un sito web funzionale e performante (se hai qualche dubbio su una di queste due opzioni leggi questo articolo), e se digiti il nome della tua azienda sul principale motore di ricerca al mondo, vedrai apparire tra l’elenco dei siti anche il tuo.

Ti è mai venuto il dubbio di verificare che siano state rispettate le regole di base della SEO da chi ti ha realizzato il sito?

ovvero le strategie che permettono ad un sito web di essere presente tra i risultati del motore di ricerca, per una determinata parola o frase chiave (query di ricerca), in modo naturale e senza forme di pagamento.

Puoi verificarne ALCUNE in modo semplice, anche se non hai conoscenze tecniche.

Partiamo dall’inizio.

Mettiti nei panni dell’utente che ha bisogno di un tuo servizio o prodotto.

Quando una persona effettua una ricerca su Google, il motore di ricerca consulta il suo database e in base alle parole chiave inserite fornisce dei risultati con un ordine preciso.

I risultati appaiono in una pagina simile a questa

snippet seo

Questa pagina è detta SERP (Search Engine Result Page).

Questa pagina è molto importante.

Ed è molto importante il modo in cui sono scritte le cose al suo interno.

Chi effettua una ricerca deve trovare subito in queste poche righe quello che cerca, e deve essere invogliato a selezionare il tuo sito rispetto ad un altro.

Analizziamola nel dettaglio. Se capisci la sua struttura puoi verificare se il risultato di ricerca che appare in corrispondenza del tuo sito web è corretto ed efficace come dovrebbe.

serp

Gli elementi che la compongono sono: titolo, url, snippet.

Titolo

Comunica l’argomento della pagina sia all’utente che ai motori di ricerca.

Le regole con cui deve essere scritto sono semplici:

– deve contenere una parola chiave (che sarà contenuta anche nel testo della pagina)

– deve essere descrittivo e naturale

– deve avere una lunghezza massima 60 caratteri

– evita frasi introduttive

– evita di ripetere il nome del sito se non c’è bisogno (se lo si fa, inserirlo in fondo con

 | nomesito.it)

– usa un titolo unico e originale. Non ripetere lo stesso titolo in più pagine.

Url

Indirizzo del tuo sito web.

Snippet

È la descrizione della pagina. È questo il punto più importante, perchè da qui chi sta effettuando la ricerca capisce se il tuo sito offre la soluzione ai suoi bisogni.

Le regole con cui deve essere scritta sono:

– deve contenere una o più keyword messe nel titolo

– deve essere coerente con il contenuto della pagina

– deve avere contenuti di qualità e rilevanti per l’utente, comunicando l’argomento della pagina

– deve avere lunghezza massima 156 caratteri altrimenti appariranno ‘…’ che lasciano incompleta una frase.

– evita testi generici, sii incisivo

– evita di ripetere tante volte le parole chiavi

– usa un testo diverso dal titolo per evitare penalizzazioni

È importante che più pagine del sito non abbiano la stessa descrizione.

Queste sono le prime cose che puoi verificare anche da solo, se non hai particolari conoscenze tecniche.

In realtà perché un sito sia ben fatto, dal punto di vista della SEO, sono necessari molti più fattori, ma questi sono i primi segnali ‘da non addetto ai lavori’ che ti aiutano a capire se chi cura il tuo sito web sta facendo un lavoro corretto.

Se adesso ti stai chiedendo quali sono gli altri fattori SEO oppure perché facendo una ricerca con alcune parole chiavi, legate al tuo settore, il tuo sito web non appare nelle prime pagine, la risposta è un po’ più complessa.

Per la SEO i fattori con cui Google fa apparire un sito all’interno dei risultati di ricerca sono principalmente tre:

1- Fattori on page

Sono legati alle caratteristiche interne delle pagine web e del sito nel suo complesso (ottimizzazione del codice, qualità dei contenuti, interfaccia e design usabile e accessibile, contenuti utili e focalizzati su parole chiavi, velocità di risposta del sito, inserimento di bottoni social per la condivisione dei contenuti, uso di link interni e in uscita). Ed è tra questi fattori che ricadono i tre elementi (titolo, url, snippet) che abbiamo analizzato all’inizio

2- Fattori off page

Sono fattori esterni alla pagina, e al sito web, dettati dalla popolarità del sito. Determinati dalla quantità, qualità e tematicità dei link che la pagina riceve da altri siti. Più un sito riceve link pertinenti più il motore di ricerca lo ritiene autorevole e lo premia.

3- Altri fattori

Segnali sociali, comportamento degli utenti, Spam e penalizzazioni.

Questi argomenti meritano un approfondimento a parte.

Sei una PMI? Ricevi consigli pratici sulla comunicazione

L’esperienza di Sp3 con la Piccola Media Impresa a disposizione degli imprenditori che vogliono fare comunicazione. Ricevi dei consigli utili ogni 2 settimane.

*Tranquillo, anche a noi non piace lo spam.